I Proverbi Palazzesi

Anziani












ALCUNI DEI PROVERBI PALAZZESI

chict vgnitill quann si t'nirill


Traduzione
"piegati bastoncino quando sei tenero- riferito ai bambini capricciosi"

Quann nev'ch da mundagn, p'glj la zapp e va guadagn. Quann nev'ch da marein, p'glj u sacc e va'u mulein.

Traduzione
Quando la neve arriva dalla montagna piglia la zappa e vai a lavorare. Quando la neve arriva dal mare Piglia il sacco e vai al mulino.

Quann iè timb d zapp e pout, fora parind e fora n'pout. Quann iè timb d v'n'mà, parind da qua, parind da là.

Traduzione
Quando è il tempo di zappare e potare i parenti e fuori i nipoti scappano.Quanto è tempo di vendemmiare, invece parenti di qua e parenti di là accorrono.

MAMMA MEI D PREIM M TNEV MBRAZZ E N'ZEN, MAMMA MEI D'MO' M'TEN SOP O CUMO'

Traduzione
MAMMA MIA PRIMA MI TENEVA IN BRACCIO E SUL SENO, MAMMA MIA DI OGGI MI TIENE SUL COMO'.

o gabbà u toi vcein? cucct subt e gauzt subt la matein.

Traduzione
vuoi gabbare il tuo vicino? coricati presto ed alzati presto il mattino.